il sito della concessionaria

Il sito internet della tua concessionaria non serve a niente!

Lo sai che 9 persone su 10 visitano il sito internet della tua concessionaria e non tornano mai più?

Non pensare che sia il solito esagerato, perché è la triste verità.
I siti internet della maggior parte dei concessionari d’auto sono belli da un punto di vista estetico, ma non servono a nulla dal punto di vista della conversione.
“Ma come – mi dirai – ho speso 3.000 €, ho contattato la migliore Web Agency della zona e tu dici che non serve a nulla?”.
Legittimo il tuo pensiero. Anch’io nei tuoi panni sobbalzerei dalla sedia se qualcuno mi dicesse che ho buttato nel cesso 3.000 €.
Eppure caro collega è tutto vero.
Quando un visitatore atterra su un sito  di una qualsiasi concessionaria, ci sta per pochi secondi e se ne va via senza lasciare nulla: nessuna email e nessun numero di telefono da ricontattare.
Senza contare che quasi certamente non verrà mai più a farti visita.
Pensare che il tuo web designer  ha curato ogni aspetto:
. le immagini che scorrono automaticamente in alto.
. lo spazio riservato alle promozioni con grafica super colorata.
. la pagina dei contatti.
. la pagina delle offerte del mese.
. la pagina dei servizi.
. la pagina del chi siamo.
Mi fermo qui, sai bene a cosa mi riferisco, visto che hai pagato (o il tuo capo) profumatamente tutto questo “ben di Dio informatico”.

sito internet concessionaria

Le concessionarie investono quasi sempre solo in abbonamenti mensili o annuali  per i portali del settore come autoscout24 e subito.it, ma non prevedono particolari strategie di marketing sul proprio sito ufficiale. Lo lasciano lì come papà “Web master” ha fatto. 
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] Voglio darti subito una mazzata in testa: alle persone non interessa nulla del “chi siamo”. Per saperlo consultano i feedback lasciati sui Social Network o chiedono ad amici o leggono in rete i commenti degli utenti che sono entrati in contatto con te.  Quelle sono le “vere” informazioni. Di quanto sei bello, bravo, professionale, competente e preparato interessa solo a te e al tuo ego.  Non sono le parole a decretare un professionista o un ciarlatano, sono i fatti.
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] Altra nota triste: non frega assolutamente nulla dei tuoi servizi. Tutti i concessionari offrono le stesse cose: carrozzeria, officina, leasing e finanziamenti “personalizzati”, assicurazioni, ecc… ecc… Quindi nessuna idea differenziate. Puoi essere più o meno bravo, ma tutti offriamo gli stessi servizi.
Dopo questa analisi assolutamente negativa, ma realistica ti dico che  serve comunque avere un sito internet ufficiale.
Sei obbligato, è il tuo biglietto da visita virtuale, ma devi sfruttarlo al meglio.
Se fatto bene ti permette di differenziarti dalla massa. Sui portali di offerte d’auto, oggi, ci sono tutti. Non è più un’esclusiva, è la normalità. Quindi per renderti diverso dai soliti annunci devi riuscire a portare i potenziali acquirenti direttamente sul tuo sito. Uno strumento che deve essere pronto a “catturare” subito i dati del visitatore.

 

Vediamo come rendere il tuo sito internet utile al tuo business.

Devi pensare ad ogni pagina come ad una Squeeze Page, ossia una pagina “Spremi nomi” dove il visitatore è “obbligato” a lasciare la propria email o numero di telefono. L’obiettivo princiapale è quello di aumentare la tua lista contatti, cioè quell’archivio di nominativi che hanno visitato il tuo sito.
Alla base di tutti i business online di successo c’è sempre una lista nomi (mailing list)  il più possibile in target, ossia interessata ai tuoi prodotti.

#1 Prima regola: form cattura dati.

Ogni pagina del tuo sito deve avere uno spazio (un form) dove far inserire una email al visitatore. La sua posizione deve essere al centro o alla fine della pagina. Ci deve essere bene in vista la Call to Action (chiamata all’azione) e il perché dovrebbe lasciarti i propri dati. Non esagerare: bastano nome ed email.

# 2 Seconda regola: software per invio di email in automatico.

Devi avere un sistema automatico (Autoresponder) di invio di email “educative”, ossia un ciclo di informazioni che, ad intervalli prestabiliti, invierai ai potenziali clienti direttamente nella propria casella di posta elettronica. Devi in pratica condurre per mano il visitatore fino a fargli tirare fuori il portafoglio, che nel nostro settore significa entrare in concessionaria, sedersi alla scrivania e firmare il foglio di carta chiamato contratto.

#3 Terza regola: responsive.

Il tuo sito deve essere responsive, ossia visibile senza difficoltà da tutti i dispositivi: pc, tablet e soprattutto smartphone. Oggi le persone sono abituate a fare quasi tutto con il proprio cellulare, anche visionare le auto. E’ statisticamente provato che la maggior parte delle ricerche avviene proprio da dispositivo mobile.

#4 Quarta regola: facile e intuitivo da utilizzare.

Devi rendere facile e veloce la ricerca delle auto, visto che è l’unico motivo per cui un visitatore decide di consultare il tuo sito. Non lo fa certo per leggere quanto sei gentile, carino ed efficiente. Lo spazio di ricerca, quindi, deve essere ben visibile e dotato di tutti i filtri possibili per renderla il più efficace e veloce possibile. 
Dimmi la verità: pensavi che le pagine “chi siamo – storia” e “servizi” fossero i tuoi cavalli di battaglia, vero?
Ti capisco è il pensiero di molti. Ti invito a vederlo con i tuoi occhi:  consulta (o fatti dare i risultati da chi ti segue il sito) il software che traccia le statistiche del tuo sito internet e guarda quante visite hanno le pagine “chi siamo” o “servizi”. Paragona questo dato con le visite totali e calcola la percentuale. Potresti non superare il 3%. E’ normale, le persone sono stanche delle parole, vogliono i fatti.
Come puoi notare l’unica cosa importante del tuo sito internet (e che quasi nessuno ha) è lo spazio raccolta email, per non perdere i visitatori.  

 

Trucchi per aumentare la lista contatti e l’efficienza del tuo sito.

Trucco numero uno: pop up form.

Sono delle finestre che si aprono automaticamente all’ingresso (o all’uscita) di un sito e l’obiettivo è proprio quello di far compiere al visitatore le seguenti azioni:
. iscriversi alla tua newsletter.
. scaricare un buono sconto per un servizio o prodotto.
. scaricare un omaggio da ritirare in sede.
La sua efficacia è garantita perché non può non essere visto, considerando che “salta fuori” proprio in mezzo allo schermo. Più il Pop up form ha un titolo accattivante e più la conversione è alta.

Trucco numero due: regala, regala e regala.

Da sempre le persone sono restie a rilasciare i propri dati, ma dietro ad un regalo tutto cambia.
Prevedi quindi in cambio dell’email un omaggio del tipo:
. Guida in formato pdf o video o audio su di una tematica ben precisa : “come cambiare la ruota bucata in 3 minuti”, “come vendere il proprio usato senza rischi”, “come lavare gli interni in modo veloce ed efficace”, ecc… ecc…
. Buono sconto per un servizio/prodotto: “sconto del 30% sul tagliando”, “sconto del 35% sulle gomme da neve”, “sconto di 500€ sull’acquisto della vettura”.  

Trucco numero tre: porta traffico al sito.

Hai due opzioni:
. gratuitamente: attraverso contenuti ben indicizzati per parole chiave sui motori di ricerca, tramite Social Network o passaparola.
. a pagmento: pubblicità con Facebook Ads e Google Adwords.
Consigli per un annuncio/contenuto efficace.
[icons style=”icon-hand-right” color=”#ff0000″] L’annuncio deve risolvere un problema. Vuoi vendere le gomme da neve? Metti in rilievo il buono sconto in cambio dell’email. Non fare post sulla concessionaria, non serve a nulla.
[icons style=”icon-hand-right” color=”#ff0000″] Seleziona il target in funzione di interessi ed età: scegli il tuo marchio automobilistico tra gli interessi e fai test per età in funzione dell’annuncio che vuoi pubblicizzare (auto sportive, auto per neopatentati, auto di lusso, fuoristrada, ecc… ecc…).
[icons style=”icon-hand-right” color=”#ff0000″] Seleziona un raggio di azione di 20/50 km (posizione) intorno alla tua concessionaria: non ha senso coinvolgere persone che, per distanza, non verranno mai da te.
Tutti questi tre elementi puntano ad un’unica finalità: targettizzare il più possibile il potenziale cliente. Non sparare sulla massa, punta ad una precisa tipologia di clientiela.
Poi farai un altro annuncio per altre persone.
Non serve investire grosse cifre, soprattutto all’inizio in fase di test. Anche 10€ al giorno per una settimana sono più che sufficienti per verificare l’investimento e il ritorno in termini di contatti raccolti e visite in salone.  
Quello che vedo su Facebook alla voce “sponsorizzata” (annuncio  pagamento) ha dell’incredibile: 
. annunci che puntano al sito internet della concessionaria.
. annunci che puntano a far aumentare i numeri di “Fan” alla pagina del concessionario.
Quest’ultima tecnica non serve a UNA MAZZA, se non a buttare via soldi.
Tieni conto che con il nuovo algoritmo, Facebook fa vedere il tuo post solo al 10/20% dei tuoi fans. Il restante 80/90% non saprà mai cosa hai pubblicato (deve andare spontaneamente sulla tua pagina). Ecco perchè non ha senso puntare ad avere una pagina ricca di Fans.

 

Conclusione

Quando progetti il tuo sito devi pensare:
. all’utile e non al bello (certo un minimo di design ci vuole). Non farti “fregare” dalle grafiche, dalle musiche, dalle scritte  tridimensionali, ecc.. ecc… Pensa che il visitatore è lì solo per cercare un’auto.
. a rivolgerti a chi progetta siti per concessionari e non ad una Web Agency “generalista”. Loro sono bravi a fare siti belli, ma non conoscono le esigenze dei concessionari, che sono: catturare le email e i dati del visitatore.
. ad uno spazio “blog” dove scrivere contenuti di valore che aiutino i visitatori e li spingano a ritornare.
Shares
RESTA IN CONTATTO
Unisciti al nostro gruppo di professionisti. Riceverai informazioni preziose, consigli utili e strategie efficaci per diventare un venditore digitale.
Odio lo Spam. I tuoi dati sono al sicuro. Rispettiamo la tua Privacy.
The following two tabs change content below.
Venditore d'auto per professione e web marketer per passione. Felicemente sposato con Stefania e papà di Viola. Aiuto i venditori di auto ad acquisire una propria identità online al fine di vendere di più, a un prezzo più alto rispetto ai competitor e di farlo in maniera costante e automatica. Venditoredauto.it è la mia palestra e la nostra community del venditore digitale.

Category: blog personaleriflessioni personali

Tags:

2 comments

  1. salve, mi chiamo Mauro sono un commerciante di autoveicoli e trovo molto interessante il vostri discorsi, potrete darmi qualche drita a rivolgermi a chi progetta siti per concessionari?
    Buon lavoro saluti Mauro 3348686429

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Stefano Brazzoli

Venditore d'auto per professione e web marketer per passione. Felicemente sposato con Stefania e papà di Viola. Aiuto i venditori di auto ad acquisire una propria identità online al fine di vendere di più, a un prezzo più alto rispetto ai competitor e di farlo in maniera costante e automatica. Venditoredauto.it è la mia palestra e la nostra community del venditore digitale.
Shares