online in 4 mosse

Essere online in 4 mosse.

La fretta, da sempre, è una cattiva consigliera, soprattutto nel business.
Prima di buttarsi in qualsiasi iniziativa commerciale vale la pena analizzare il mercato, la concorrenza e stendere un business plan il più dettagliato possibile.
Questo ci permette di avere una visione attuale e futura del nostro lavoro.
Anche nella messa online della propria idea ci vuole un metodo e una strategia ben precisa per ottenere successo.
In questo articolo ti svelo le 4 mosse vincenti da compiere per essere subito sul web, in modo professionale, efficace e senza dover restare connesso più di 30 minuti  al giorno.
Ecco i 4 strumenti che ti servono per passare dalla teoria alla pratica:
. dominio + hosting
. wordpress
. prodotto/servizio
. autoresponder
Vediamo nel dettaglio le 4 mosse da compiere per essere online. 

 

DOMINIO + HOSTING

Un dominio è il nome che identifica in maniera univoca una persona, un’azienda o un’organizzazione su Internet.

dominio-hosting

Le attività commerciali tradizionali (offline) hanno una propria sede fisica, con tanto di via, numero civico e portone d’ingresso.
Anche le online devono essere ben rintracciabili e lo strumento messo a disposizione dalla rete è proprio il dominio, ossia l’indirizzo in cui si trova il tuo blog/sito. Ad esempio www.venditoredauto.it
La scelta del dominio è di estrema importanza, non farti prendere dalla smania di essere subito online.
Sono due, solitamente, i dubbi che sorgono in questa prima fase: utilizzo il mio nome e cognome o scelgo parole che identificano l’argomento principale del mio blog?
Non c’è un risposta esatta al 100%.
Entrambe le soluzioni possono andare bene, purché sia chiaro nella tua testa che obiettivo hai:  
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] valorizzare il tuo nome
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] valorizzare l’argomento che tratti
Il dominio è quello che rappresenta l’immagine della tua azienda, in pratica la tua identità in rete.
E’ il tuo biglietto da visita per il web e una volta che l’hai registrato non potrai in alcun modo modificarlo (dovresti acquistarne un altro).

Alcuni consigli pratici per scegliere il giusto nome al tuo dominio:
. inserisci una delle parole che identificano (keyword) il tuo business: se parli di furgoni per le aziende, potresti ad esempio scegliere ifurgoniperlavoro.
. cerca di usare nomi semplici e brevi, perché più facili da ricordare.
. non utilizzare numeri.
. evita nomi troppo fantasiosi e divertenti, ricorda che stai facendo business.
. usa i trattini tra una parola e l’altra solo se necessari.
. siamo in Italia ed evita nomi in inglese difficili da capire dalla maggior parte delle persone.
Una volta individuato il nome del tuo dominio, devi pensare all’estensione da dare (.xxx).
L’estensione .com è utilizzata da siti web commerciali,  il .net è per le aziende che offrono servizi di rete, il .it è per siti italiani.
Oltre al nome del dominio dovrai acquistare anche l’hosting, ossia il tuo spazio su internet dove andrai a caricare il tuo sito. Generalmente lo puoi acquistare dallo stesso sito che ti offre anche il nome del dominio.
Se guardi in rete trovi moltissime soluzioni più o meno economiche. In più di 15 anni di attività online credo di averli provati quasi tutti e con assoluta certezza posso dirti che il migliore è: www.sisteground.com.
Un sito facile da consultare e con la garanzia soddisfatti o rimborsati entro un mese. Quindi massima tranquillità.
Quando dico che per me è il migliore mi riferisco sia alla sua affidabilità (è brutto trovarsi con il sito offline senza preavviso) che al supporto clienti (chat) super efficace.
Quanto costa?
Sono 3.99€ al mese.

 

WORDPRESS

E’ il CMS (Content Management System) più utilizzato al mondo e che ti permette in modo facile e veloce di gestire il tuo blog o sito. Il bello è che lo potrai utilizzare anche se non sai nulla di Html e programmazione in generale.
wordpress-venditore-auto
Una volta installato sul proprio dominio (hosting) potrai in un attimo creare il tuo spazio virtuale.
Il primo step è quello di scegliere il tuo tema. Puoi utilizzare i temi gratuiti messi a disposizione oppure collegarti a www.themeforest.com e acquistarne uno secondo i tuoi gusti.
I temi a pagamento oltre ad essere più professionali sono ricchi di funzioni aggiuntive che possono migliorare la qualità del sito stesso.
Il mio consiglio è quello di prevedere una spesa di 35€/50€ per un tema a pagamento.  

Il punto di forza di WordPress (WP) è sicuramente la grafica intuitiva e chiara. Ti bastano davvero pochi click e puoi scrivere il tuo primo articolo e progettare le pagine principali  come “chi sono”, “risorse”, “contatti”.
Il tuo lavoro e ogni aggiornamento verrà salvato all’interno di un database e ovviamente potrai fare i vari backup per non perdere i tuoi dati.
Quanto costa?
WordPress è totalmente gratuito.  

 

PRODOTTO/SERVIZIO

Questa è la fase creativa. Puoi scegliere se occupartene tu (la più consigliata) o rivolgerti ai freelancer che ci sono in rete (www.freelancer.com).

prodotti-servizi-venditore-auto

In questa fase devi produrre contenuti per mettere in risalto la tua soluzione a specifici problemi delle tua nicchia.
Puoi lavorare su due fronti:
. gratuitamente: sono gli articoli o le risorse che offri ai lettori.
. a pagamento: sono dei materiali in formato Pdf, immagine, audio o video che decidi di vendere per monetizzare così il tuo blog.
Principalmente sono 3 i tipi di prodotti che puoi vendere:
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] fisici: ad esempio le auto nuove o usate che hai in vendita.
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] digitali: guide da scaricare in formato Pdf, audio o video su precisi argomenti.
[icons style=”icon-arrow-right” color=”#ff0000″] pubblicità: bunner o spazi riservati a proposte commerciali.

Il mio consiglio è quello di prevedere la realizzazione di una piccola guida in formato Pdf, anche di sole 15/20 pagine dove analizzi nel dettaglio una problematica molto sentita dalle persone presenti nella tua nicchia di riferimento e proponi la tua soluzione.
Puoi scegliere se regalarla in cambio ad esempio dell’email oppure se venderla a una cifra tra le 7 e 37 euro.
Perché prevedere un mini ebook (guida)?
Perché ti permette di elevarti ad esperto del settore e perché l’intero processo (vendita, pagamento e spedizione del prodotto) avviene in modo automatico.
Nessun libro da spedire e nessun pagamento da andare a riscuotere. Devi solo pensare a scrivere quelle 15/20 pagine e poi tutto verrà fatto automaticamente.
Analizza la tua nicchia, individua una problematica e proponi la tua soluzione.
Nel nostro settore potrebbe essere ad esempio “come pubblicizzare la tu auto su internet” oppure “come farsi pagare senza essere truffati”.
Se ci pensi un attimo, sono infiniti gli argomenti da trattare.
Per scrivere una mini guida ti servono al massimo 2 ore: la prima ora ti documenti e nella seconda ora scrivi.
Non ti servono programmi particolari, bastano Word o Pages e salvare in Pdf.

 

AUTORESPONDER

L’autoresponder è uno degli strumenti più importanti e preziosi per fare business online. Ti permette in modo semplice e professionale di gestire tutti quei contatti che si registrano al tuo blog.

getresponse-venditore-auto

Puoi inviare email in maniera automatica con un semplice click, tutto già preimpostato in precedenza.
Quando una persona ad esempio si iscrive alla tua newsletter le arriverà il primo tuo messaggio di benvenuto con ad esempio il link per scaricare/acquistare il tuo mini ebook.
Da questo momento, in base a come avrai programmato il tuo autoresponder, l’iscritto riceverà una serie di email “educative” sul tuo argomento. Questo è un fantastico strumento che ti permette di rimanere in contatto con gli iscritti anche mentre sei al lavoro, al mare o semplicemente impegnato a fare altro.
Anche in questo caso il tuo lavoro di scrittura deve essere fatto una volta sola all’inizio e poi basta, ci penserà tutto il tuo autoresponder: invierà giorno dopo giorno, a un orario da te prestabilito, le tue email.
Io lo chiamo il tuo segretario della mailing list. Un omino che lavora per te, mentre pensi ad altro.
L’altro aspetto importante di un autoresponder di qualità è la sua capacità di tracciare le statistiche delle tue campagne email. Puoi sapere quante persone hanno ricevuto la tua posta elettronica e quante l’hanno aperta e letta.  
Senza ombra di dubbio i due migliori autoresponder oggi in circolazione sono:
Tutti i più grandi professionisti del web utilizzano uno di questi due. Personalmente preferisco GETRESPONSE perchè è in italiano e di facile utilizzo.
Quanto costa?
12 € al mese.

 

 

Shares
RESTA IN CONTATTO
Unisciti al nostro gruppo di professionisti. Riceverai informazioni preziose, consigli utili e strategie efficaci per diventare un venditore digitale.
Odio lo Spam. I tuoi dati sono al sicuro. Rispettiamo la tua Privacy.
The following two tabs change content below.
Venditore d'auto per professione e web marketer per passione. Felicemente sposato con Stefania e papà di Viola. Aiuto i venditori di auto ad acquisire una propria identità online al fine di vendere di più, a un prezzo più alto rispetto ai competitor e di farlo in maniera costante e automatica. Venditoredauto.it è la mia palestra e la nostra community del venditore digitale.

Category: blog personalestrumenti business

Tags:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Stefano Brazzoli

Venditore d'auto per professione e web marketer per passione. Felicemente sposato con Stefania e papà di Viola. Aiuto i venditori di auto ad acquisire una propria identità online al fine di vendere di più, a un prezzo più alto rispetto ai competitor e di farlo in maniera costante e automatica. Venditoredauto.it è la mia palestra e la nostra community del venditore digitale.
Shares